Coronavirus, dopo la rivolta pc per videochiamate ai detenuti di Rebibbia