Coronavirus, il padre di Emanuele, la vittima più giovane a Roma: «Era sano, integro, non fumatore»