Coronavirus, nel Lazio vaccini record ma terapie intensive sature: ecco perchè