«Cultura, 170mila oggi non lavorano»