I fedelissimi di Casini disertano il Consiglio