Il grido dei produttori: «Molti prodotti si spacciano come ‘di Amatrice’»