Il nostro calcio, l’intolleranza e le radici ebraiche: siamo tutti uguali