Roma, il compromesso delle piazze chiuse (e locali a orario pieno): gestori divisi