Sui social o dai balconi, come cambia la preghiera ai tempi del virus