Un «Presente» scomodo: trecento pagine che raccontano Roma